Il mio mare

Il mio Mare

Il lago di Garda in inverno, quando subentra una pace e una tranquillità quasi surreale che in altri periodi dell’anno non esistono, diventa un luogo magico: lontano dal caos, dalle auto e dai frastuoni estivi. A volte quando il cielo è coperto, la luce è tenue e delicata il Lago appare ai nostri occhi ancora più grande e mi ricorda un po’ il mare: il rumore delle onde, i gabbiani che volano bassi, l’occhio che cerca di scrutare l’orizzonte e a volte fatica a distinguere dove finisce il Lago e inizia il cielo: pensieri e ricordi che provengono da lontano. Questo è il mio mare.